FANDOM


Tekken white background

Tekken (giapponese: 鉄拳, inglese: Iron Fist, italiano: Pugno di Ferro) è un gioco di lotta sviluppato da Namco, ed ideato da Katsuhiro Harada.

Originariamente un gioco Arcade per sale giochi, fu adattato in seguito per funzionare su sistema Sony Playstation. Ciò accadde per la prima volta il 31 marzo 1995.

Il gioco possedeva già le caratteristiche di Tekken: match rapidi, la "fluidità dei personaggi" e la grafica (per l'epoca) curata nei minimi dettagli, infatti, se si comparano con Street Fighter II, per esempio, i round sono molto più rapidi.

Dal 15 giugno 2011, è possibile scaricare questo gioco per Playstation 3 e Playstation Portable tramite PSNetwork.

Sinossi Modifica

Il più grande torneo di arti marziali del mondo avrebbe avuto presto inizio. Il premio è un'immensa somma di denaro, che sarà consegnato al lottatore che riuscirà a sconfiggere Heihachi Mishima, fondatore della Mishima Zaibatsu, non che fondatore del torneo.

Il reale intento di Heihachi e rivedere suo figlio Kazuya, che, molti anni prima, quando quest'ultimo aveva 5 anni, era stato gettato da una scogliera da Heihachi stesso. Heihachi voleva testare la forza del figlio, e quale altro modo se non un torneo di lotta?

Heihachi aveva affermato che se Kazuya sarebbe tornato più forte dopo la caduta, sarebbe stato veramente suo figlio. Incredibilmente, il figlio sopravvisse, ma ciò lo aveva cambiato radicalmente oltre che fisicamente era diventato più forte.

Durante la sua adolescenza, Kazuya aveva acquisito poteri demoniaci. [1] Dopo anni e anni passati nelle montagne del Giappone ad allenarsi per diventare sempre più forte, Kazuya legge l'annuncio del torneo Tekken e decide di partecipare. Ormai adulto, non più un bambino di 5 anni, e più forte che mai, è intento a dare una lezione a suo padre e ottenere la vendetta che voleva per la sua malvagità e il suo cuore di pietra.

Contesto Modifica

Personaggi Modifica

Personaggi iniziali Modifica

Personaggi sbloccabili Modifica

  • Anna Williams = Terminare la modalità Arcade con Nina.
  • Armor King = Terminare la modalità Arcade con King.
  • Ganryu = Terminare la modalità Arcade con Yoshimitsu.
  • Kuma = Terminare la modalità Arcade con Paul.
  • Kunimitsu = Terminare la modalità Arcade con Michelle.
  • Lee Chaolan = Terminare la modalità Arcade con Kazuya.
  • Prototype Jack = Terminare la modalità Arcade con Jack.
  • Wang Jinrei = Terminare la modalità Arcade con Marshall Law.
  • Heihachi Mishima = Terminare la modalità Arcade.

Sbloccare il costume di Devil Kazuya:

Per sbloccare questo costume, bisogna completare gli otto stages di Tekken: Galaga, distruggendo TUTTE le navi. Questo mini-gioco appare all'avvio di Tekken, durante il suo caricamento.[2]

Lo sapevi? Modifica

  • E' l'unico gioco canonico dove i boss finali e i sub-boss non hanno filmati.
  • Nel finale di King, i bambini sono veri, usati in digitale. Questa tecnica è usata anche nel suo finale in Tekken 2.
  • Nel finale di Yoshimitsu, possiamo vedere per la prima volta Madame Law, la moglie di Marshall Law, con Forest ancora bambino, che diventerà giocabile solamente in Tekken 3.
  • E' possibile ascoltare tutta la musica del gioco inserendo il disco in un sistema CD.
  • E' l'unico gioco a cui al boss finale non è associata un'arena.
  • E' l'unico gioco canonico in cui Lei Wulong e nessun Kazama è giocabile.
  • Durante l'E3 del 1995, Michael Jackson ha testato il gioco su una macchina Arcade. Era la versione C.

Riferimenti Modifica

  1. Molti fan credono che Kazuya abbia stretto un patto con Devil, cioè quello di Devil possedere l'anima di Kazuya in cambio che quest'ultimo ottenga i poteri per uccidere suo padre. Ma non è nulla vero come affermato da Harada.
  2. https://tekken.fandom.com/fr/wiki/Tekken

Vedi anche Modifica

Tekken white background

Anna WilliamsArmor KingGanryuHeihachi MishimaJackKazuya MishimaKingKumaKunimitsuLee ChaolanMarshall LawMichelle ChangNina WilliamsP.JackPaul PhoenixWang JinreiYoshimitsu

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.